18 Luglio 2024

Cenni storici della protesi di ginocchio

L'evoluzione della moderna protesi di ginocchio si è verificata negli ultimi 30 anni, migliorando sia i risultati funzionali e che la durata dell'impianto. La protesi di ginocchio ha un’evoluzione più recente rispetto a quella dell’anca, anche se attualmente negli USA il suo utilizzo ha superato largamente quello dell’anca.

La prima descrizione di un tentativo di migliorare la funzione articolare del ginocchio risale al XIX secolo. Nel 1863, Verneuil et al. ha cercato di migliorare lo scorrimento tra le superfici articolari interponendo tessuto molle tra le estremità ossee per prevenire l'anchilosi. Da allora, sono stati utilizzati molti metodi diversi, gli impianti.

Allo stesso tempo, sono aumentate anche le aspettative e le richieste dei pazienti.
Pertanto, con l'aumentare dell'esperienza chirurgica con la PTG, sono state messe a punto nuove tecniche operatorie, diversi protocolli di gestione del dolore e della perdita di sangue per migliorare il recupero funzionale e il risultato clinico.

Anche per il ginocchio diversi sono i modelli di protesi:

- Protesi monocompartimentali
- Protesi totali o tricompartimentali

Protesi monocompartimentali

Prevedono la sostituzione di un solo versante articolare o di parte di esso (condilo femorale laterale, condilo femorale mediale, emipiatto tibiale, ecc.)
L'artroplastica unicompartimentale del ginocchio, che sostituisce solo il compartimento del ginocchio affetto da artrosi, è un'alternativa all'artroplastica totale del ginocchio, una procedura che sostituisce l'intera articolazione del ginocchio.

Vantaggi della monocompartimentale

L'artroplastica unicompartimentale del ginocchio preserva il tessuto osseo che sarà prezioso se è necessaria una revisione protesica. Inoltre, l'artroplastica unicompartimentale del ginocchio ha meno complicazioni, richiede meno riabilitazione e può fornire una migliore mobilità e una funzione superiore rispetto all'artroplastica totale del ginocchio.

Poiché è associata a un rischio di revisione più elevato rispetto a quello dell'artroplastica totale del ginocchio, l'artroprotesi unicompartimentale del ginocchio rimane una procedura controversa che potrebbe essere sottoutilizzata. Studi retrospettivi indicano che dal 12,0% al 21,0% dei pazienti sottoposti ad artroplastica totale del ginocchio erano candidati all'artroprotesi unicompartimentale del ginocchio, mentre meno dell’8,0% delle artroprotesi del ginocchio sono monocompartimentali.
Dal 2020 l'utilizzo totale di artroprotesi del ginocchio ha superato un milione all'anno e circa la metà di queste procedure viene eseguita in pazienti di età inferiore ai sessantacinque anni.

I benefici dell'artroprotesi di ginocchio unicompartimentale possono interessare i pazienti più giovani che sono ancora attivi e nel mondo del lavoro, alcuni dei quali possono ritenere che i benefici immediati sulla qualità della vita superino il maggior rischio di revisione quando sono in pensione e meno attivi.

Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie