21 Aprile 2024

Cenni di storia della protesi di anca

Fin dal secolo scorso i chirurghi hanno cercato metodi alternativi per sostituire l'articolazione dell’anca malata, ponendosi essenzialmente i seguenti questi: 1) quali sono i materiali alternativi che possono essere utilizzati in una sostituzione articolare ?; 2) come possono essere fissati saldamente questi materiali?.
La prima domanda riguarda le superfici articolari e i ricercatori hanno esplorato una varietà di materiali tra cui vetro, avorio, leghe metalliche (ad esempio, Co-Cr), sostanze sintetiche, polietilene e ceramica. Vetro, avorio e nylon non vengono più utilizzati, mentre i materiali in polietilene e ceramica sono ancora oggi ampiamente utilizzati. La seconda domanda è come realizzare una fissazione di successo, in relazione sia al design della protesi che al metodo di fissazione effettivo, cementato e non cementato.
Nel 1958, Philip Wiles di Londra impiantò componenti acetabolari e femorali abbinati in acciaio inossidabile come protesi d'anca in sei pazienti con malattia di Still. L'acetabolo è stato stabilizzato con viti e la testa su uno stelo fissato al femore con una piastra laterale e delle viti. Ma questi impianti non hanno avuto successo. Successivamente, si è tentato di fissare la protesi femorale al canale femorale. Prima dell'introduzione del cemento osseo, la fissazione delle protesi nel canale midollare era difficile, quindi fino agli anni '50 sono stati sviluppati più di 50 diversi modelli protesici. I componenti sono stati progettati come steli corti o lunghi. Sulla base dei risultati clinici che una protesi a stelo lungo era più stabile e un impianto metallico era più durevole di un impianto non metallico, Thompson e Austin Moore hanno inserito una protesi a stelo lungo senza cemento. Sebbene il design dello stelo e le tecniche chirurgiche sulla fissazione della protesi femorale con uno stelo metallico siano stati migliorati, i principi di base sono ancora validi fino ad oggi. Poiché anche la fissazione protesica nell'acetabolo è impegnativa, Ring, Sivash e altri intendevano fissare gli impianti utilizzando una vite o una coppa filettata, ma non sono riusciti a raggiungere la stabilità a lungo termine. Più o meno nello stesso periodo, McKee e Watson-Farrar svilupparono la protesi metallo su metallo (MoM) utilizzando un lungo stelo intramidollare e una coppa acetabolare a vite, con una percentuale di successo complessiva del 51% tra il 1956 e il 1960. La coppa acetabularie cementata fu introdotta negli anni '60. Dopo aver introdotto per la prima volta il cemento osseo come polimetilmetacrilato (PMMA ), l'impianto divenne molto popolare e di successo.

SIR JHON CHARNLEY E LA LOW FRICTION ARTHROPLASTY

Negli anni '50, Frederik R. Thompson di New York e Austin T. Moore della Carolina del Sud svilupparono protesi che sostituirono solo la testa del femore, usate per trattare fratture dell'anca e casi di artrite.
Questo tipo di artroplastica dell'anca, chiamata emiartroplastica, è stata utilizzata per la sostituzione della testa del femore malata, ma non ha risolto i problemi acetabolari. Nonostante l'enorme popolarità di queste protesi negli anni '50, i risultati clinici erano difficilmente prevedibili.
Solo con l’avvento di J. Charnley sono stati messi a punto metodi efficaci per sostituire sia la testa del femore che l’acetabolo, ottenendo risultati favorevoli a lungo termine introducendo il cemento osseo, utilizzato per ottenere la stabilità primaria degli impianti dentali. La sua più importante svolta intellettuale è stata il suo concetto di artroprotesi a basso attrito. In precedenza, tutti i chirurghi avevano sostituito protesi che avevano le stesse dimensioni e configurazione della normale anatomia umana. Charnley ha notevolmente ridotto il diametro della testa sullo stelo femorale a un diametro di 22 mm per migliorare il momento di attrito. M. E. Müller in Svizzera ha introdotto un design con un diametro della testa del femore di 32 mm per la stabilità dell'articolazione dell'anca. Nel 1958, Charnley tentò di utilizzare accoppiamenti in politetrafluoroetilene (Teflon), ma i risultati clinici furono scarsi. Dopo un iniziale fallimento con l'uso del teflon come superficie di appoggio, ha adottato il polietilene ad alto peso molecolare che ha mostrato prestazioni cliniche soddisfacenti. Questo è stato l'inizio dell’ "artroplastica totale dell'anca". La PTA di Charnley è stata comunemente eseguita dopo aver guadagnato una diffusa popolarità nel Regno Unito e negli Stati Uniti e i tassi di sopravvivenza a lungo termine hanno raggiunto il 95% a 10 anni di follow-up e oltre l'80% a 25 anni di follow-up; tuttavia, un tasso di fallimento relativamente alto (68%) è stato dimostrato in pazienti fisicamente attivi.
Gli studi di Charnley hanno condotto ad un aumento della sopravvivenza dell'impianto a lungo termine utilizzando cemento osseo, utilizzando per la prima volta il polietilene; Charnley ha descritto il concetto di "artroplastica a basso attrito" come una soluzione ai problemi di usura.
Inoltre, ha cercato di comprendere e tentato di risolvere i problemi dell'artroprotesi dell'anca legati alle infezioni.
Non è esagerato affermare che la maggior parte dei moderni concetti di sostituzione dell'anca sono derivati dai risultati di degli studi di Charnley.

Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie