21 Aprile 2024

PARACETAMOLO

Sebbene ampiamente utilizzato come analgesico di prima linea nell'artrosi, vi sono crescenti dubbi, da recenti meta-analisi, sull'efficacia analgesica del paracetamolo. Viene generalmente usato per scopo analgesico fino a 4 g / al giorno in tre o quattro dosi. Se il paracetamolo si rivelasse inadeguato, il trattamento può essere integrato con un FANS (antinifiammatorio non sterioideo) orale. In una recente meta-analisi (Machado GC et al., 2017) sui farmaci analgesici per la gestione del dolore nell'artrosi del ginocchio e dell'anca, gli autori hanno concluso, sulla base dei dati disponibili, che non vi è alcun ruolo per il paracetamolo come agente singolo nel trattamento dei pazienti con artrosi indipendentemente di dose. Il paracetamolo è generalmente considerato più sicuro di altri analgesici comunemente usati come i FANS o gli oppiacei.
Tuttavia, una recente revisione sistematica della letteratura di studi osservazionali (data l'assenza di studi a lungo termine) ha riportato un considerevole grado di tossicità associata all'uso di paracetamolo tra la popolazione adulta generale, specialmente all'estremità superiore delle dosi analgesiche standard (Roberts E. et al. 2016). È stata osservata una tendenza sorprendente di dose-risposta tra paracetamolo a dosi analgesiche standard ed eventi avversi che sono spesso osservati con i FANS, inclusa una crescente incidenza di mortalità, eventi avversi cardiovascolari, gastrointestinali (GI) e renali nella popolazione generale.

Effetti cardio e cerebrovascolari

La somministrazione concomitante di paracetamolo può influire negativamente sull'efficacia della terapia antipertensiva. A differenza dei FANS, l’assunzione di paracetamolo non sembra essere associata ad un aumentato rischio di infarto miocardico acuto (IMA) e di ictus ischemico non fatale.

Effetti gastrointestinali

In passato, il paracetamolo era considerato privo di tossicità gastrointestinale, tuttavia alcuni studi suggeriscono un aumento dei tassi di eventi avversi transitori gastrointestinali con l'uso di paracetamolo ((più comunemente nausea, dolore addominale e dispepsia); il rischio di sanguinamento / perforazione del tratto gastrointestinale superiore sempre essere aumentato di tre volte tra coloro che utilizzano il paracetamolo a dosi > 2 g / die (Garcia Rodríguez LA, 2001). I tassi di ospedalizzazione per disturbi gastrointestinali (ulcerazione, perforazione o sanguinamento nel tratto gastrointestinale superiore o inferiore) tra i pazienti anziani (≥ 65 anni) che assumono FANS tradizionali o la combinazione di un FANS tradizionale e paracetamolo con e senza un inibitore della pompa protonica, sono due volte maggiori rispetto a quelli che assumono solo paracetamolo.

Effetti epatici

Il paracetamolo è un'epatotossina dose-dipendente e dosi eccessive possono portare a insufficienza epatica acuta irreversibile. La glucuronazione e la solfatazione sono le principali vie metaboliche (fase II) del metabolismo del paracetamolo, che si saturano dopo il sovradosaggio di paracetamolo, causando un passaggio al metabolismo di fase I e la formazione di un metabolita tossico che esaurisce il glutatione e innesca la disfunzione mitocondriale, con conseguente necrosi cellulare. Coloro che assumono paracetamolo nella gestione del dolore spinale e artrosi dell'anca o del ginocchio hanno quasi quattro volte più probabilità di avere risultati anormali (attività degli enzimi epatici 1,5 volte il limite superiore di normale) nei test di funzionalità epatica rispetto a chi assume solo placebo (Machado GC et al., 2015). Il sovradosaggio acuto del paracetamolo può causare insufficienza epatica acuta che può portare al trapianto.
Sebbene il paracetamolo sia comunemente usato per l'analgesia nell’osteoartrite (OA), l'efficacia del paracetamolo nel complesso è scarsa e il suo utilizzo è guidato dalla convinzione nella sua sicurezza relativa e dalla mancanza di farmacoterapie alternative efficaci o tollerate.
Le anomalie della funzionalità epatica non sono rare con il paracetamolo e il sovradosaggio accidentale con dosi sovraterapeutiche di paracetamolo per il dolore rimane un problema importante.

Sebbene il paracetamolo sia comunemente usato per l'analgesia nell'OA, l'efficacia del paracetamolo nel complesso è scarsa e il suo utilizzo è guidato dalla convinzione nella sua sicurezza relativa e dalla mancanza di farmacoterapie alternative efficaci o tollerate.
Le anomalie della funzionalità epatica non sono rare con il paracetamolo e il sovradosaggio accidentale con dosi sovraterapeutiche di paracetamolo per il dolore rimane un problema importante.

Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie