27 Maggio 2024

VITAMINA D E CALCIO

La vitamina D è liposolubile ed è un gruppo costituito da 5 vitamine differenti: Vitamina D1, D2, D3, D4 e D5.
Dal punto di vista metabolico, quelle più importanti sono la Vitamina D2 (ergocalciferolo) e la Vitamina D3 (colecalciferolo). l colecalciferolo è 50-100 volte più attivo dell'ergocalciferolo (D3 è più attivo di D2). La vitamina D2 è di origine vegetale, mentre la D3 è di origine animale (si trova nel fegato, tuorlo d’uovo, pesce, come aringa salmone e sardina e, in maniera decisamente secondaria, anche alcuni funghi), ma entrambe hanno meccanismi d’azione simili. La vitamina D funziona nell'organismo sia attraverso un meccanismo endocrino (regolazione dell'assorbimento del calcio) sia un meccanismo autocrino (facilitazione dell'espressione genica). Il primo agisce attraverso il calcitriolo circolante, mentre il secondo, che rappresenta oltre l'80% dell'utilizzo metabolico della vitamina ogni giorno, produce, utilizza e degrada il calcitriolo esclusivamente a livello intracellulare. La forma naturale della vitamina D in tutti gli animali e la forma sintetizzata nella pelle umana all'esposizione alla luce solare è il colecalciferolo, vitamina D3. L’ergocalciferolo (vitamina D2) è un prodotto sintetico derivato dall'irradiazione di steroli vegetali / ergosterolo.
La Vitamine D2 e D3 sembrano essere assorbite dall'intestino e 25-idrossilate nel fegato con uguale efficienza: il colecalciferolo (vit. D3) viene convertito in calcifediolo (25-idrossicolecalciferolo), mentre l'ergocalciferolo (vit. D2) è trasformato in 25-idrossiergocalciferolo. Questi due metaboliti della vitamina D (chiamati "25-idrossivitamina D" o "25 (OH) D") possono essere misurati nel siero ematico determinare il livello totale di vitamina D di una persona. Il calcifediolo viene poi ulteriormente idrossilato dai reni per formare calcitriolo (noto anche come "1,25-diidrossicolecalciferolo", la forma biologicamente attiva della vitamina D).
Il nostro organismo è in grado di sintetizzare vitamina D a livello cutaneo, partendo dal colesterolo, grazie all’azione dei raggi solari, in particolare dei raggi UVB (esponendo ai raggi solari il 40% della nostra pelle per circa 20 minuti si producono dalle 15 alle 20.000 UI al giorno; questo processo può essere reso più difficoltoso dalla presenza di nuvole e dall’inquinamento atmosferico; possono incidere inoltre anche fattori individuali, quali il colore della pelle, l’età ed il peso).

Le conseguenze di un basso stato di 25 (OH) D includono un aumento del rischio di varie malattie croniche, che vanno dall'ipertensione al diabete al cancro. Il 63% dei pazienti con OA primaria del ginocchio ha riscontrato un basso stato di vitamina D. Di conseguenza, livelli più bassi di 25-idrossivitamina D (25 (OH) D) sono stati associati a un maggiore dolore al ginocchio, a una maggiore progressione dell'artrosi radiografica e a una scarsa funzionalità del quadricipite. L'integrazione di vitamina D è un trattamento alternativo negli anziani che sono a maggior rischio di carenza di vitamina D e tendono ad avere una scarsa funzione fisica. Diversi studi hanno riportato che l'integrazione di vitamina D aumenta la forza muscolare, migliora la funzione fisica e diminuisce il rischio di cadute tra le persone anziane con bassi livelli di vitamina D sierica, oltre a ridurre il danno ossidativo alle proteine, il dolore e migliorare la qualità della vita.

Alcuni studi suggeriscono che 30 ng / mL dovrebbe essere il livello minimo per la sufficienza. La maggior parte degli esperti concorda sul fatto che la carenza di vitamina D è definita come 25-OHD sierica <20 ng / mL. Studi hanno dimostrato che i livelli sierici di 25-OH-D da 30 a 32 ng / mL determinano la massima soppressione del PTH, un assorbimento ottimale del calcio intestinale e la prevenzione delle fratture. Le linee guida della Endocrine Society suggeriscono che sono necessarie 50.000 UI di vitamina D2 una volta alla settimana per otto settimane per raggiungere i livelli sierici di 25-OH-D costantemente superiori a 30 ng / mL negli adulti (Holick MF et al. 2011). E’ possibile quindi definire la sufficienza di vitamina D come 25-OH-D sierica ≥30 ng / mL.

Generalmente, la fonte della supplementazione di vitamina D dalla dieta e dagli integratori alimentari sono l'ergocalciferolo (vitamina D2) e il colecalciferolo (vitamina D3), che sono forme inattive di vitamina D. La vitamina D2 si trova nell'irradiazione vegetale e di lievito, la vitamina D3 nel pesce azzurro e nella carne; altri fattori possono influenzare l'incremento dei livelli di vitamina D, come l'assunzione di vitamina D nella dieta e l'esposizione alla luce solare. L'incidenza dei diversi disturbi correlati alla carenza di vitamina D è infatti direttamente correlata alla latitudine, con le popolazioni che vivono più lontano dall'equatore (con minore sintesi cutanea di vitamina D) a maggior rischio.

Dosaggio giornaliero della Vitamina D

In condizioni normali l'esposizione alla luce solare sarebbe sufficiente per soddisfare i bisogni di calciferolo dell’organismo, tuttavia si ritiene che l’apporto giornaliero di Vitamina D fornito solo con la dieta sia del tutto insufficiente, per cui è necessario ricorrere ad integratori. La vitamina D2 e la vitamina D3 sono ugualmente efficaci nell'aumentare le concentrazioni di 25-OH-D quando somministrate come dose giornaliera di 1.000 UI. Il peso corporeo influenza in modo determinante l’assunzione della dose giornaliera per cui i soggetti in sovrappeso dovrebbero assumere 12.000 – 20.000 UI al giorno, cioè una quantità circa 3 volte superiore a quella necessaria a un individuo normopeso. La vitamina D assunta con gli integratori (D3) ha un’emivita di 24 ore, ovvero la biodisponibilità si dimezza ogni 24 ore, quindi è necessario assumerla tutti i giorni e non settimanalmente o mensilmente.
Esistono alcune condizioni patologiche che sconsigliano l’integrazione di Vitamina D, come l’ipercalcemia, l’insufficienza renale, l’iperparatiroidismo primitivo e l’ipertiroidismo. Quindi è consigliabile sempre monitorare valori ematici come la calcemia, fosforemia e paratormone in modo tale da poter delineare un’integrazione mirata e personalizzata. Si consiglia di assumere la Vitamina D a stomaco pieno, essendo liposolubile, meglio se dopo colazione.


NB:
1 UI = 0,025 µg di calciferolo
1 µg di calciferolo = 40 UI di vitamina D.

Effetti della Vitamina D

  1. Il dolore auto-riferito e la qualità della vita correlata alla salute hanno mostrato miglioramenti dopo l'integrazione di vitamina D.
  2. La supplementazione di vitamina D ha presentato una significativa riduzione del colesterolo LDL.
  3. La vitamina D, nella sua forma attiva l’1-25(OH) vitamina D3, ha un ruolo importante nell’omeostasi e metabolismo del calcio e del fosfato, regolandone le concentrazioni nel sangue e promuovendo la crescita fisiologica dello scheletro, il rimodellamento osseo, prevenendo la degenerazione con l'età avanzata.. L’assunzione di vitamina D determina quindi un aumento dell’assorbimento di calcio e fosfato intestinale, contribuisce alla deposizione del calcio dalle ossa, al mantenimento del trofismo cartilagineo e favorisce il riassorbimento renale del calcio e del fosforo nel tubulo contorto prossimale. Avere una carenza di vitamina D può ridurre l'assorbimento intestinale del calcio fino a captarne solo il 15%. Quando non è carente, un individuo assorbe solitamente tra il 60-80% del calcio alimentare. Il calcio può ridurre l'assorbimento di acidi grassi a causa della formazione di complessi calcio-grassi insolubili nell'intestino. Pertanto, i livelli sierici di colesterolo LDL sarebbero diminuiti dal ridotto assorbimento degli acidi grassi saturi.
  4. La vitamina D può essere considerata un antiossidante.
  5. Inoltre, l'1,25 (OH) 2D ha dimostrato di sopprimere la produzione di citochine proinfiammatorie, come IL-6 e fattore di necrosi tumorale-α (TNF-α).
  6. È possibile che i livelli sierici di 25-OH-D raggiunti possano migliorare la funzione muscolare aumentando la forza muscolare e le prestazioni fisiche nei pazienti con artrosi del ginocchio. I pazienti con mobilità ridotta possono essere più sensibili al miglioramento del funzionamento fisico mediante l'integrazione di vitamina D, per cui l’integrazione di vitamina D è un modo sicuro ed economico per migliorare la forza muscolare e la funzione fisica in questa popolazione. Sulla base di questi risultati, è raccomandata l'integrazione di vitamina D nei pazienti con artrosi del ginocchio che hanno una scarsa funzionalità fisica.
  7. E’ coinvolta nei sistemi che vanno dalla carcinogenesi epiteliale al funzionamento neuromuscolare. Questa diversità di effetti sembra essere un'espressione del fatto che ci sono circa 800 geni umani per i quali esiste un elemento di risposta della vitamina D. La maggior parte di questi geni non ha nulla a che fare con la funzione canonica della vitamina D (assorbimento del calcio) ma riguarda invece l'espressione delle proteine necessarie per il controllo della proliferazione, differenziazione e apoptosi cellulare.
  8. Numerose sono le patologie croniche associate a carenza di Vitamina D: rachitismo, osteoporosi e osteomalacia, cancro (prostata, colon, seno, polmone e midollo / linfoma), alterata risposta del sistema immunitario, diabete, ipertensione e malattie cardiovascolari.


Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie